Introduzione

I primi riferimenti della mia formazione artistica presentano connotazioni fortemente accademiche, e i soggetti sono tratti da tematiche mitologiche e paesaggistiche. Le opere di questo periodo richiamano l'esperienza dei grandi maestri del passato, da Michelangelo a Bernini, da Velazquez a Caravaggio, da Corot a Constable, ma sicuramente l'autore che sento più vicino in questa fase della mia pittura è Rembrandt per la concezione del rapporto tra luce, spazio, forma e colore.

La mia ricerca è volta ad approfondire il processo attraverso il quale la luce, intridendosi col colore, determina la natura delle figure facendo risaltare una vibrante vitalità fatta di brillii, di dissoluzione di materia, di armoniosi accostamenti cromatici che preludono ad un'atmosfera di misterioso raccoglimento.

Con i miei lavori cerco di interpretare un mondo quotidiano immettendo anche negli aspetti più banali e dimessi della realtà una vena di simbolismo e di poesia, come nel caso degli "ulivi" e del "pane".

 

Torna al menu